Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
company logo

Cerca

Home Storia della cucina ligure A Pasquèta, 'na bonn-a lasagnata a l'é consueta
A Pasquèta, 'na bonn-a lasagnata a l'é consueta PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Dolcino   
Martedì 14 Febbraio 2012 16:14

Ma ritornando alle lasagne, diremo che esse compaiono anche in una delle nostre filastrocche infantili, quella che vede Martino alle prese con le più improbabili avventure. Rammentate l'inizio della versione forse più diffusa?
Beuga, bùgagna,  Martin o l'è andaeto in Spagna, fasciòu in te 'na lasagna...
(«Altalena, altalenagna,  Martino è andato in Spagna, fasciato in una lasagna...»).

E in un proverbio, ancora, compare il particolare piatto, anche se inteso come una sorta di miraggio:
A chi à famme, o pan o ghe pà lasagne:
«A chi ha fame, il pane sembra lasagne».

A Pasqua Epifania, gianca lasagna: la bianca lasagna, l'abbiamo detto, impererà appunto nel giorno di Pasqua e all’Epifania: quest'ultima parola coll'accento spostato dalla posizione ortodossa soltanto per ovvie ragioni di rima. E a ribadire il concetto della calza colma di lasagne, un altro proverbio recita così:
A Pasquèta, 'na bonn-a lasagnata a l'è consueta.
Il giorno della Befana, ricordiamo al proposito, era pure chiamato Pasquèta: a differenza di altri dialetti, dove il termine indica la seconda festa di Pasqua, da noi detta invece «Lunedì dell'Angelo».


Tratto da “Liguria a Tavola” supplemento de Il Lavoro – 1984
Testo di Michelangelo Dolcino

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS.