Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
company logo

Cerca

Home Storia della cucina ligure Son zeneize a riso raeo
Son zeneize a riso raeo PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Dolcino   
Martedì 14 Febbraio 2012 16:06

L'espressione è ancora abbastanza diffusa: dare una lezione, una strigliata esemplare, si rende in buon genovese con «Da o riso co-a natta». Notevole è il bisticcio tra la voce portoghese «nata», crema, e la nostrana «natta», sughero: quindi, dare il riso con la crema, ma anche col sughero, ovviamente di ben difficile digestione...

Di individuo particolarmente paffuto, invece, si dice — o si diceva — «Faccia da sciuscià riso»: volto da soffia-riso. Verosimilmente, riferendosi a chi gonfia le guance per soffiar via la pula...

Ecco: a Genova, alla Liguria il riso non ha dato soltanto sapidi piatti, ma anche è entrato nella lingua casereccia. A cominciare da una delle espressioni più caratteristiche, quasi un atto di nascita:

«Son zeneize a riso raeo, strenzo i denti e parlo ciaeo»...
Anche se il significato non è chiarissimo. «C'è chi vi vede — ha scritto Ivana Ferrando — un accenno alla nostra parsimonia: poco riso nel brodo o nel minestrone. O al fatto che i genovesi in realtà sono sempre stati poco ghiotti di riso»...

Ed eccoci ancora alla scarsa nostra propensione per il «tesoro delle mense», come lo chiamano i Cinesi. Eppure si poteva anche avere opinione diversa, se tanto s'era rammaricati d'esser stati esclusi da un risotto-party. E' il caso della vecchia ninna-nanna, una variante della famosa «Corbettinn-a», cantabile sulla stessa aria:
«Se son cheutti un po' de riso, - un pò de riso co-e patatte: -s'òu fan, s'òu cheuxan - e a mi no me ne dan! - Digghe don, digghe don, digghe dèna, - e campann-e de Zena; - digghe don, digghe don, digghe dà, - e campann-e son de Conà...
(«Si son cotti un po' di riso, - un po' di riso con le patate: - se lo fanno, se lo fanno, se lo cuociono - e a me non ne danno! -

Digghe don, digghe don, digghe dèna, -le campane son di Genova; - digghe don, digghe don, doigghe dà, -le campane son di Coronata...»).

 

Tratto da “Liguria a Tavola” supplemento de Il Lavoro – 1984
Testo di Michelangelo Dolcino
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS.