Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
company logo

Cerca

Home Storia della cucina ligure Com'era verde la mia valle
Com'era verde la mia valle PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Dolcino   
Martedì 14 Febbraio 2012 15:43

«'Na mùtta, e patattinn-e!... Faxolin senza fia!... Miae che muri d'articiocche! Articiocche sensa barba a-o cu!..
(«Quaranta centesimi, le patatine!... Fagiolini senza filamenti!... Guardate che musi di carciofi! Carciofi senza barba al sedere!.).

Queste, sino all'altrieri, alcune delle grida proprie dei venditori, appartenenti in genere ad una ben precisa area topografica. «Questa valle — scriveva il cinquecentesco Giustiniani, a proposito del territorio in cui si svolge il Bisagno — è una bellissima cosa, durante in lunghezza quindici miglia, ed in larghezza in molti luoghi sette. Gode il benigno aspetto del sole e dell'aria amena e salubre: produce uomini gagliardi di corpo, e svegliati d'animo: produce ottimi vini, perfetto latte, varii e preziosi frutti...».

E «Bezagnin», lo sanno tutti, significa appunto fruttivendolo, venditore d'ortaggi, giacché in primo luogo dalla Val Bisagno si dipartiva un vero fiume di quotidiani prodotti: «Si può dire che, grazie alla Valbisagno, unitamente alla valle del Polcevera, nonché a quella minore dello Sturla, Genova godette per molto tempo di una quasi completa autosufficiente autarchia per quanto riguardava gli ortaggi, la frutta e i prodotti da cortile». L'osservazione è della Taviani Festa, che anche annota: «Privilegi non comuni, di cui dovrebbe tener conto lo storico che fissasse la sua attenzione sugli assedi che Genova e l'immediato entroterra sostennero in tempi diversi».

Aggiungiamo al proposito che il mercato ortofrutticolo nella sua prima «edizione» corrispondeva all'area occupata poi dal Mercato Orientale: dove, cioè, le mura cittadine erano più vicine al Bisagno. E anche nella successiva versione, quella di corso Sardegna, si tenne conto di tale fonte d'approvvigionamento.


Tratto da “Liguria a Tavola” supplemento de Il Lavoro – 1984
Testo di Michelangelo Dolcino

Ultimo aggiornamento Giovedì 16 Febbraio 2012 11:19
 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS.