Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it
company logo

Cerca

Home Storia della cucina ligure C'era una volta il pavone.
C'era una volta il pavone. PDF Stampa E-mail
Scritto da M.Dolcino   
Martedì 14 Febbraio 2012 14:46

Il pavone veniva in passato allevato nei giardini per la sua indubbia bellezza, ma conobbe pure impieghi gastronomici, anche se pare che il suo sapore non possa decisamente paragonarsi all'ineffabile armonia della «ruota»; «Io stesso — ha scritto ad esempio Hyams — ho mangiato carne di pavone e posso dire che è pessima, sorprendentemente dura e senza un suo particolare sapore»... Ma la bontà era in fondo secondaria: chi lo offriva ai commensali si preoccupava principalmente di abbacinarli con lo sfarzo, di ostentare la propria raffinatezza.

Originario dell'Asia centrale, fu importato dapprima dai popoli dell'Arabia meridionale; da questi passò ai Greci, e quindi ai Romani. I Greci lo considerarono uccello sacro a Giunone, i Latini — più pratici — provarono appunto a cucinarlo. L'oratore Quinto Ortensio sarebbe stato il primo a fare ciò; Commodo, in seguito, in una sorta di delirio di ricercatezza, ammannì agli ospiti porzioni di sole lingue... Ma generalmente veniva preparato allo spiedo, e così comparve pure sulle mense medievali dei nobili e prelati più abbienti.

Simbolo per i cristiani d'immortalità e resurrezione, definito in varie religioni orientali «signore di vita» e «luce e fiamma» — nell'Iran pre-Khomeini era emblema del potere imperiale — l'uccello dava a volte luogo, nei conviti, a una particolare cerimonia. L'ospite principale, quando tutti s'erano nutriti di quella carne, pronunciava il «giuramento del pavone», promettendo la realizzazione d'una mirabolante   impresa.


Tratto da “Liguria a Tavola” supplemento de Il Lavoro – 1984
Testo di Michelangelo Dolcino


 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS.